Scrivi per cercare

ATTUALITA'

L’allarme pandemia, e non solo, dietro lo stop al Capri digital summit e al convegno dei giovani di Confindustria: entrambi gli eventi spostati a Roma

Condividi

L’emergenza Covid-19, e non solo, ha indotto gli organizzatori a tenere lontano dall’isola due eventi di prestigio, che sono nati a Capri e si svolgevano qui da anni in autunno, e a spostarli in versione ridimensionata nella Capitale.

L’annuale «Capri digital summit», organizzato da EY, sui temi dell’ innovazione, si è svolto ieri e l’altro ieri a Roma, con la maggior parte delle sessioni da remoto. Il meeting dei giovani imprenditori di Confindustria, fondato da Antonio D’Amato nel 1985 che lo volle sull’isola per bilanciare la sessione primaverile di Santa Margherita Ligure, dopo essere stato inizialmente traghettato da Capri alla stazione marittima di Napoli è finito anch’esso a Roma: l’appuntamento è per venerdì e sabato prossimi.

“Se è vero che dietro il trasferimento delle sedi e il conseguente, necessario ricorso alle piattaforme digitali c’è l’ allarme pandemia e con esso una comprensibile prudenza organizzativa, è anche vero che il messaggio che ne deriva non è dei più accettabili. Possibile che lasciare Capri, Napoli e il Sud sia stato così semplice da farlo sembrare perfino inevitabile? Possibile, cioè, che la caratura territoriale di eventi come questi, simbolo e soprattutto opportunità anche per il Sud che vuole innovare e discutere di sviluppo, sia stata cancellata proprio mentre, al contrario, è sul Mezzogiorno che si sta puntando per far ripartire il Paese?” si chiede Nando Santonastaso su “Il Mattino”, aggiungendo: “La sensazione è che – fermo restando il diritto di ognuno di organizzarsi dove e come meglio crede -, la storia della pandemia c’entri fino ad un certo punto. E lo stesso vale per lo scarso peso decisionale di chi dovrebbe difendere e rispettare certe tradizioni, specie quando portano attenzione, interesse e curiosità sul territorio. Il dubbio vero è che si siano imboccate strade alternative non a caso, non solo insomma per tamponare un’emergenza. Che si preferisca, cioè, cogliere l’ attimo per volgere lo sguardo altrove, salvando l’immagine e la continuità con il richiamo di un logo o poco più, ma in realtà scavando un sottile, strisciante disimpegno dal Sud”.

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.