Scrivi per cercare

CRONACA

Truffa con la tecnica del “phishing” ai danni di un teramano, in una boutique di Capri acquisti per 2mila euro con carta clonata

Condividi

Navigare e acquistare online è ormai un’abitudine per tanti. Soprattutto dopo i lunghi periodi di lockdown legati alla pandemia. Ma, naturalmente, al crescere del numero degli acquisti di prodotti e servizi su internet, aumentano anche le truffe in particolare su carta di credito e postepay.
Così come di recente è capitato a due teramani che hanno denunciato di essersi ritrovati con le carte di credito svuotate per acquisti fatti da altri. In un caso compere risultate fatte a Milano per una spesa complessiva di quasi 4mila euro (gioielli e scarpe di marca), in un altro acquisti in una boutique di Capri per una spesa di duemila euro.
Le tecniche usate dai truffatori sono sempre più sofisticate. In questo caso i due sono stati raggirati con la truffa del “phishing”. Si tratta di un sistema che consiste nell’inviare false e-mail o falsi sms spacciandosi per Banca o Poste, al fine di spingere la vittima ad inoltrare i propri dati personali, come numero della carta o della postepay, per poi utilizzarli per operazioni di clonazioni.
La comunicazione apparentemente può sembrare ufficiale poiché viene utilizzato il logo, il nome e il layout tipico dell’azienda imitata. Con l’email si invita quindi il destinatario a collegarsi tramite un link ad un sito internet del tutto simile a quello della banca o delle Poste e ad inserirvi, generalmente attraverso una finestra che si apre dallo stesso link, tutte le informazioni riservate. Una volta ottenuti i dati i truffatori effettuano operazioni bancarie ai danni dell’ignara vittima.
La raccomandazione delle forze dell’ordine è di non inserire i propri dati su siti internet inviati tramite messaggi. Ai destinatari viene vivamente raccomandato di contattare direttamente la banca o l’ufficio postale. È la strada più indicata per assicurarsi che la comunicazione arrivi veramente da loro e per non cadere vittime di truffe che sulla rete corrono molto velocemente.

Fonte: www.ilcentro.it

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.